sabato 28 febbraio 2009

Nulla, nulla res è meglio di Albertosordi.

Pure come canta, senti che roba! Adesso stavo a sentire Luna non sei più tu e soprattutto Amore, amore, amore. Anzi, in questo momento soprattutto come canta. È meglio, molto meglio pure del giovinetto Iuloascanio d'Iglesias! La potenza di queste canzoni è che porcamadonna se esse venissero stampate a suon di cazzottinfaccia sul muso di 1 qualsiasi disgraziato(*) privo di tutti&5 i sensi a mò di microsolco sul vinile, anche codesto stolto comprenderebbe all'istante la potenza distruttiva di un tale arsenale di meraviglie cardiovascolari.

Sono un po' retorico & metafisico perché ho quasi finito di leggere Memorie della mia vita (tie', mò ha attaccato a gorgheggiare pure quell'occhiona meravigliosa di Monicavitti da giovane) di Giorgio De Chirico, che se per come pittava le cose spaccava pure lui (Dekiriko spakka, quanto gli avrebbe fatto roderculo questo modo di scrivere una cosa che per di più riteneva scontata), per i suoi scritti avrebbe meritato di vedere in vita che so, il successo dei Fichi d'India. Non ci si può credere, centinaja di pag. per dire che lui glielo ammolla mentre gli altri sono stronzi incompetenti. Quando invece tutti sanno che questa cosa non si dice, a maggior ragione se per caso è vera veramente.

Mi concederai quindi un po' di retorica & metafisica pure a me. Per esempio quella che sfodero colla solita classe nel diagnosticare la Sindrome di Giù in chi non daccorda coi miei titoli. Senza tante prove, cazzi ecc.

Comunque il titolo Sordido non era ciò di cui volevo scrivere, solo che iniziare da lì mi era praticamente d'obbligo connelle recchie il vibrato caldo e intonatissimo di Colui che xdavéro è. E pecché è, Colui? Per ribadirlo infine al misero, per come canta; per quel che canta; per tutto quel che ha fatto, per tutto quel che è. Colui è, per il solo fatto che è. Capito come? 'Coluichessere poiché si coluicheè'. Mortacci ahò, questa manco Sciopenawen l'ha detta mai. Io veramente a differenza di quel lavativo di Sciopenaw'n una cosa la volevo dire, nonostante da un po' non mi senta granché ispirato nel bloggare anzi, ceneò sul collo il fiato di uni&zeri.



La gente si é incazzata perché su Phasebook hanno fatto i groupies a Riina. Che sciocchezza l'incazzarsi, specie quelle spesse volte che dell'incazzarmi me ne macchio io. È tanto bello cerebroejaculare e/o penejaculare, proprio non vedo il senso di incazzarmi specie quando ciò, è assodato, mi provoca ben più nojose gastroejaculazioni. Secondo me sarebbe bellissimo se qualcuno inventasse un quid in grado di estirparci l'incazzosità. Nessuno ad esempio farebbe lo sciemo in classe (ma così ci si perderebbe del divertimento buono davvero). Nessuno quindi farebbe il groupie di Riina, se nessuno cis'incazzasse.

Vabè, tanto ormai cisiè incazzati per questi ragroupamenti. Tollerate figli miei, tollerate. Riina lo so, non arrivava al metro & cinquanta tanto in altezza quanto in larghezza & profondità immorale (ma in tutticasi solo di poco). Poi che altro? Dice che poneva le persone negli acidi, quando già una goccia dà tanto bruciore lui ce le inzuppava completamente. Ah, poi faceva saltare in aria tutti quei bravi protagonisti baffuti di quelle così gradevoli phìkscion, quando si sa che uno che prende su di sé la briga di portare i baffi è giocoforza visivamente più buono della media dei non baffuti.



Ora, è palese che uno che si scrive a Totò Riina lo fa per un solo motivo: fare arrabbiare al prossimo suo come a se stesso. E allora bello stronzo che sei, prossimo suo. Io, per una volta, stronzo non lo sò: non mi sò arrabbiato manco un po'. E allora no, riflettevo: perché non mi sò arrabbiato? Così mi chiedevo, perché io purtroppo sò 1 che si arrabbia spesso sulle cose pur sapendo (sempre a posteriori, dannazione) che cià tutto da perdere e niente da guadagnarci. Dunque perché non mi fa arrabbiare chi si raggrouppa a Totò Riina? mentre mi fa tanto indignare chi si raggruoppa ai Berluschigrossi mannaggiacristo, specie se lo scorgo a chiedermi vanamente l'amicizia.

E insomma, qual era la mia conclusione? Perché, se cià una cosa di buono questa roba che mi raggruma i Vilipendi, essa è che mi porta finalmente a delle conclusioni. Dovrei trovarne un'altra che mi fa partire da problematiche magari più impellenti, e sarei a cavallo.



La mia conclusione è: ARRABBIATEVI PER CHI SI RAGGROUPPA ADDIO! da oggi, anche su Sfaccìmmbook oltre che sui culi dei autobus. Io adesso invoco, io chiamo a testimonio il criminale + criminoso di tutti i tempi, quell'incallita sputacchiera scomodissima, quel suqqulento majale diddio. dio: tu ke 6 nato da vassapé quale delle tue stesse troje, non credi nelle tue immaturità di essere di gran lunga più molesto di Totò Riina, quale epicentro di raggrouppamenti? Mamannaggiatté, tu sei ognipotente quando invece u curtu poverino sa fare solo quelle tre cose, 1) essere qubico di lato quasi unoecinquanta, 2) mandare in acido i sensibili 3) avere un modo spiccio di sbaffare la gente visivamente buona. Tre cose contro una freca infinita di sozzerie, e la gente ti si continua a raggrouppare ai piè pur se tutta insozzata (e di brutto) delle tue stesse nefandezze.



E mi sono arrabbiato anche questa volta. Quel sodomìno purulento.





(*) I DISGRAZIATI! quale nome efficacissimo per un gruppo dai toni sixties.

giovedì 19 febbraio 2009

Beast seller.







Alien Can


È facile smettere di farsi le pippe (se sai come farlo).
2009, 129 pagine, brossura, I ediz.
€ 9,90














In Sintesi

Mio padre morì di seghe ai testicoli a meno di 45 anni. Io stesso fui un incallito onanista per 33 anni, dal 1950 al 1983, soprattutto durante la leva militare a 18 anni, arrivando a masturbarmi cento volte al giorno e comunque mai meno di sessanta.

Così asserisce Alien Can, famoso autore di best-seller internazionali che hanno ajutato milioni di persone a liberarsi dalle proprie dipendenze. Il suo primo libro si intitola "È facile smettere di fumare se sai come farlo" (The Easy Way to stop smoking), e in seguito ha applicato con successo il suo metodo Easy Way® (letteralmente 'fare soldi limitando il divertimento altrui') allo smettere di bere, al calare di peso e al bestemmiare. Ora ci riprova col vizio delle pippe, l'ultimo vero flagello dei nostri tempi.

Nel suo ultimo libro Alien Can racconta di essere riuscito a smettersela una buona volta di masturbarsi “con la sola forza della ragione”. Aprì quindi 70 centri specializzati in 30 paesi. Dato però che il suo metodo imponeva ai pazienti di continuare a masturbarsi sino alla fine dei seminari (sic), ingravidato dalle continue ejaculazioni il 29 novembre 2006 purtroppo Alien morì di parto.



I commenti dei lettori

Giandomenico Impertinenti (11-01-2009)
È passato più di un'anno da quando ho finito di leggere il libro e d'allora non mi sono più fato una pippa. Vi garantisco che è vero: E' FACILE SMETTERE DI FARSI LE PIPPE!!! ma la cosa più speciale è che vi garantisco che non le farò mai più. ORA POSSO RICOMINCIARE A VIVEREEEEEEEE

Fricanzano Poffarre (11-01-2009)
Da che ho memoria mi sono sempre fatto le pippe, anche tra il primo e il secondo tempo di una partita alla televisione o di un film al cinema non riuscivo a resistere Morale: ora so come non farlo più. La mia vita sociale è migliorata di colpo, ora nessuno evita più di darmi la mano anzi me la stringono con calore e non sento più le risatine della gente quando mi volto.

Saetta (13-01-2009)
Nessuno dei miei amici mi credeva ke un giorno potevo riuscire a smettere però si sono dovuti arrendere 10 mesi senza farmi 1 pippa :) !!! ora corro come un fulmine e finalmente non ci vedo più sfocato come una volta senza farmi l'operazione al laser quindi io questo libro ve lo consiglio proprio a tutti.... mi sono pure trovato la morosa :D

Dorian Grey (14-01-2009)
Questo libro mi ha liberato da un incubo. Nemmeno con l'ipnosi avevo smesso di farmi le pippe, grazie Alien! Come ho finito l'ultima pagina ho sentito che mi era scattato un qualcosa che prima non era mai scattato. Nei momenti più duri semplicemente ora penso a me, ora ho più tempo per me stesso e tutto questo senza minimamente tuffarmi sul cibo o ingrassare

Senapismo (15-01-2009)
Onanista compulsivo praticamente da sempre, ora ho un sacco di tempo libero! Ho finalmente finito gli esami di ingegneria informatica e ora mi manca solamente di discutere la tesi, prima quando mi mettevo a studiare avevo un'autonomia di una ventina di minuti dopodiché dovevo afferrare una rivista e correre al bagno. Ora però mi devo trovare una ragazza ;)

Belati Christian (15-01-2009)
siete dei creduloni possibbile che nessuno dice che la psicoterapia è una cosa seria e cè bisogno di uno specialista vero che ti segue e non di un libro che ripete sempre le stesse cose??? mi fate proprio ridere come se uno che si fa dalle 30 alle 50 pippe al giorno ora può smettere solo perché lo legge scritto sul suo libro ma fatevi una sc**pata piuttosto!!!

Eulalia (16-01-2009)
Guarda Cristian ke se magari per te non ha funzionato qusto non vuol dire ke allora non può funzionare per nessuno! io so solo ke il mio ragazzo prima non aveva nessun interesse per me e adesso invece...ha sempre voglia! io penso solo ke tu non hai letto con attenzione il capitolo sul kiudere le porte a kiave e i nascondigli. Un saluto da Eulalia ora vado dal mio ragazzo ke mi vuole dire una cosa o due ;P

Corrado C. (19-01-2009)
Ho letto il libro sul traghetto Olbia – Civitavecchia.....posso solo dire che a metà viaggio mi sono fatto l'ultima pippa sul mio posto-ponte, ho buttato il fazzolettino di carta in mare e da allora mai più! Anche a mia moglie e mia sorella l'ho fatto leggere e ora nemmeno loro le vogliono fare.

Felice666 (21-01-2009)
Spendevo un monte di euri in Kleenex, e con i 10 euri del libro ora coi soldi che ho risparmiato mi sto comprando la Golf turbodisel!!! che dire...grazie Dottor Alien, spero che quel mostro bastardo che avevo dentro e mi tormetava stavolta grazie a te sia morto x sempre

Mentuccia (22-01-2009)
Miticoooooooo...ho smesso....ed è stato FACILISSIMOOOOO.....basta leggere il tutto con la mente ben aperta e smettere di farsi fare il lavaggio del cervello....come dice il Dottor Ailenn è veramente fantastico sentirsi liberi......

Bengi Price (24-01-2009)
Grazie Alien riposa in pace benefattore universale. Equivali al Buddha, al Ghandi, al Cristo, le persone dovrebbero benedirti e fare un peregrinaggio hai tuoi luoghi per averci liberato da una vera e propria schiavitù anche al prezzo della tua vita. Io ora oltre ad aquisire una buona salute non mi sento più emarginato come quando non me la sentivo di uscire di casa e stare per tante ore lontano dalla possibilità di farmi una pippa. Farsi le pippe come la droga è una delle grandi tragedie della contemporaneità in cui viviamo fatevene una raggione brutti pezzenti

Gianni il matto (31-01-2009)
Ottimo libro, ma secondo me per smettere di farsi le pippe c è solo bisogno della topa-

Ora si che si sta bene (04-02-2009)
finalmente grazie ad Alien ora io e la mia compagna abbiamo avuto un bambino anzi Manuela è di nupvo incinta. Inutile dire come si chiamera il piccolo dato che sara' un bellissimo maschitto......vero Professor Alien? ;)

Uno che la sa lunga (09-02-2009)
MI fate ridere voi che con un libro così nelle libbrerie magari a quest'ora state nei vostri bagni a farvi le pippe!! Per non spendere 10 miserabili euri continuate a ridurvi nella peggiore delle schiavitù e a ingrassare le multinazionali del Fazzolettino di carta...vi meritate proprio di andare falliti quando con quei soldi si potrebbe almeno fare la beneficienza a chi veramente ne ha bisogno più di voi e delle vostre vizziosita'

Max (12-02-2009)
Ho visto le impressionanti foto dei peni di onanisti che si facevano le pippe da 30 anni, ho letto le terribbili scritte sui pacchetti di fazzolettini ma non c'era minaccia che tenesse rispetto alla voglia che avevo di farmente regolarmente una buona. Il libro me l'hanno regalato e mi ricorderò per sempre la vacanza in cui l'ho letto e soprattutto se lo ricorderà la Monica la mia fidanzata di allora LOLLL.......

A PiPpAroLiiiiiiiiiiii... (14-02-2009)
...ahahahahahahahahah

Alan da Imola (17-02-2009)
fate come vi pare ma io penso ke non e serio credere ke solo leggendo un libro uno smette di tormentarsi firmato alan da imola

grazie, grazie, grazie!!! (18-02-2009)
non ho più irritazzioni prima se non mimettevo la nivea tutte le sere era un grosso guaglio ora ho smesso di provare dolore

una domanda (19-02-2009)
professor Allienn nn si potrebbe fare 1 di questi libri anke per ki scureggia?!?

sabato 14 febbraio 2009

Fenomenologia del 'Conto fino a Tre'.



Certe volte uno scrive una cosa e poi ci trova un titolo. Altre più rare no, si inizia da un titolo che si trova fico.

Bene, questo è fico. Mi gioco la spocchia, sono troppo sicuro del fatto mio. Perché a essere fico è il concetto del 'Conto fino a tre'.



È fico il liscio (tranne che per il calciatore), perché ricorda ai vecchietti di quando da giovani ballavano strusciandosi coi genitali davanti a tutti. In epoche che vorrebbero dirsi più proibizionistiche delle nostre; ma non è vero. Che se ci provassi oggi, a darti addosso avresti tutti gli sgherri di sx & dx senza manco bisogno che il ns. Papa dal fiato di topo (Rat-singer) debba prendersi la briga di burattinarli.

È fico il cartone animato di una volta (con prudenza, per carità) per chi è cresciuto non su una zattera nel Mississippi ma pettinato dai raggi catodici.

Sono fiche le BR per chi da piccolo a quell'epoca assaporava quell'alone d'inquietudine che davano anche le cose più quotidiane, come fosse un grande gioco generale.

È fico il fascismo per il maschietto che da piccolo grazie a lui si era ritrovato in divisa e in possesso di armi legittime (e non dirmi di no, brutto bugiardo, che da piccoli questa cosa sarebbe stata grandiosa per chiunque); e per la femminuccia, cui si regalavano training di futuribili Mamma&figlia. Manco tu, femminuccia, dimmi di no. Mai! su nessuna cosa che io abbia la voglia di chiederti.

Praticamente la memoria riesce a trasformarti ogni cosa, anche le più brutte, in struggenze a tuo dire poetiche. Il terrore delle interrogazioni, l'Austerity delle domeniche a piedi, le tivù bicolori e senza telecomando. Senza perderci altro tempo, facciamo prima se ammetti che perfino 'conto fino a tre' qualcosa te l'ha smosso. Se non altro perché è terribile, è aranciameccanico aversi un numero, il tre, che quando lo senti sai che stai per passare grossi guaj. Senti che brutto, 'tre', 'tre', 'TRE'!




Povero cagnolaccio pavloviano, abbaja dai, arf; abbaja. Tu, come Superman, ciai certe kryptonitiche Sacre Sindromi di Stoccolma che manco te l'immagini. 'Conto fino a tre' era l'Orrore più Sacro: la Fine del Gioco. Per lo più comminata in modo burbero ma ancora non foriero di tempesta, esso (o essa? era maschio o femmina 'conto fino a tre'?, maschio direi, finisce tutto per 'o' tranne 3 che non vale, ed era una propaggine paterna quindi virile, quando le pavide madri si limitavano stregonescamente alla minaccia di farsi medium evocatrici del Padre, la figura più minacciosa della Storia dell'Umanità). Insomma, che stavamo a dì? che volevi da me, stavolta? ah, non fà il vago che tò visto che digitavi il mio nome invano, non fà il prezioso, tu vuoi sempre quaccheccosa da me, colle lusinghe o le minacce, quando io invece dovrei occupare ogni fibra del mio essere a recuperare equilibri. Mi fai sempre perdere il segno – ma no, che invece me lo fai ritrovare, che se non ci fossi tu avrei solo mollicuzze di pensieri sparsi a pelo d'acqua, a galleggiarmi nelle cervici. Quindi bravo! o 'brava'! (sempre che tu continui a non dirmi mai di no, qualora interpellata), ma adesso rimettiti sotto a leggere non so ancora cosa, e a paventare la tua sana razione d'insulti saltuari.



'Conto fino a tre' - 'Conto fino a tre'. C'erano le volte che sapevi che la tua integrità fisica non stava rischiando nulla, l'unica vera vittima (cruentissima, lo ripeto) sarebbe stata Il Gioco, che Finiva. Percepivi la mastodonticità dell'Adulto: esso non avrebbe mai alzato le terga dalla poltrona disobbedendo alle Leggi di Newton, il quale impone a tutti che due masse incommensurabili come la Terra e il culo dell'Adulto si attraggono irresistibilmente. Bastava aspettare la scansione del 'Tre' sino a 1 pelino prima della fine e correggersi in tempo, con la tutela dell'incolumità di tutti tranneché deL Gioco.

La Scansione del 'Tre' poi, quanto a serietà era veramente molto romantica e molto poco illuministica. Non c'erano unità temporali di misura univocamente determinate, e certo se c'erano non erano i secondi. L'unica cosa che la Scansione del 'Tre' misurava, era l'autorità delle Autorità. L'autorevolezza del Genitore era data non tanto dalla velocità di scansione, quanto dalla totale mancanza di decelerazione. La scansione di uno Scanditore da temersi era inesorabilmente regolare, mai frenata verso la fine. Con un compromesso poteva semmai effettuarsi la Suddivisione del Due, che veniva scisso nelle sue unità discrete di 'duemmèzzo – duettreqquàrti'. Che poi, perché saltare il due&unquarto, poverino. Sicuramente, un trucco da poveracci per concedere alle tue ribalderie prolungamenti sorprendenti & sempre più brevi nelle previsioni (ma pavidamente raddoppiate nelle durate, di fatto) colla regola del Dimezzamento Multiplo. Ovvero, l'Uno che si fa Mezzi, e il Mezzo che si fa Quarti. Quanto questa variante poteva diventare ben più raffinata, vedremo in seguito.

Ma un rallentamento finale era indice di poco polso. L'adulto poteva venire burlato. Magari in altre occasioni, perché anche l'Adulto più innocuo quando si impelagava nelle tristi dinamiche del 'conto fino a tre' diventava temibile. C'è da dire che questa trasformazione era dispendiosa anche per lui, dovendosela pagare con una non indifferente impennata dell'entropia; quindi per fortuna non era un'opzione frequente quanto si potrebbe pensare. Il 'Conto fino a tre' eseguito con una scansione regolare dei divisori del 'tre', comunque, trasformava qualsiasi Adulto. Esso, pur senza essere arrabbiato, non rideva più - dico 'Esso' poiché l'Adulto medio era più stupido di un minerale, veramente poco incline al divertimento, anche se tu all'epoca non potevi sapere quali orribili riti d'iniziazione lo avrebbero insignito della spiacevole carica di 'Adulto'. Il suo colore prendeva i toni del grigio, la luce intorno gli si abbassava come se qualcuno dietro gli avesse verticalizzato delle veneziane. Tutto assumeva le modalità dell'Urgenza. Non avevi escamotaggi per dimostrare con qualche dispettucolo finale la tua faccia tosta, eri totalmente soggiogato; e come tale, dovevi metterti a zampe all'aria, coda tra le gambe, e pisciarti addosso la tua sottomissione. Non restava a quel punto che riprometterti maggiore prudenza, la prossima volta; dovevi capire bene qual era il confine tra la continuazione dello scherzo e il 'conto fino a tre', e ti ripromettevi di farlo per bene. La resa senza condizioni, imparavi per la vita, era troppo umiliante.



Io ho assistito a un fenomeno stranissimo, e forse è questo il biscotto che ti getto nelle fauci sempre avide di sollazzo. Che io sempre ti do, maledizione. Sono un Amminestratore molto più prodigo di quello che capitò a Oliver Twist, l'unico che ti meriteresti.

Sèntiti dunque quest'episodio stranissimo. Conosco un adulto che suddivideva il 'due' in ulteriori ultimi 'dieci', alla rovescia. Non so se magari appartenesse a una ben precisa scuola di pensiero, a me sembra comunque un metodo molto strano quindi improbabile. Nonostante la tua faccia inespressiva, continuerò pertanto a ritenerlo unico.

Insomma, la scansione era 'Ù-no; dù-e; duemmèzzo; duettreqquàrti; 10-9-8-7-6-5-4-3-2-1' e si arrivava allo zero!

Lo giuro sui pediluvi che si fa Poppea Ratzinger nel latte di feti staminacei; è proprio tutto vero. Non è assurdo?
O almeno così pensavo, da piccino. Tu, che sei uno che salta subito addosso alla conclusione più facile, di certo dirai che doveva essere un'adulto di poco polso.
Ah-ah. Che sciocchezza. Esso era forse l'adulto più temibile Del Mondo. Inflessibile. Capricciosissimo. La tua tesi sarebbe sembrata affrettata perfino a un me piccolissimo, ovvero il me di quando lo vedevo Suddividere in un modo tanto strano; solo che adesso tu sei molto più grande di quando io ero piccolissimo. Ti lascio a riflettere su questa cosa, che ti fa bene.



Io invece vado avanti. Se rileggi la scansione che ti ho sciorinato poc'anzi, vedrai che allo zero seguiva un punto esclamativo. 'Un punto esclamativo – uhm, che cosa inconsueta da queste parti'. Questo avresti dovuto pensare, se non eri così impulsivo. Perché lo so che non sei rimasto indietro a riflettere, anzi so che è esattamente questa tua disubbidienza dinnanzi ai miei preziosi consigli, la causa più grave delle tue inanità. Maghari saprei con questa chiarezza la causa delle mie! (!)

Ma non divaghiamo. Quando l'informazione ha un basso grado di variabilità, essa ci rompe le palle. Già ebbi modo di dirlo tempo fa, da queste parti; ma tu sei 1 che salta le cose. Il Grande colla Scansione Regolare era sì temibile, ma tanto immaginavi dove andava a parare. Anzi di più: potevi prevederlo esattamente. Una volta percepito il deltatì tra gli istanti ti'ù-no' e ti'dù-e', conoscendone lo stile di enumeratore (sapendo cioè se c'erano i mezzi e i quarti o no), da bimbo potevi prevedere esattamente l'istante di tempo tienne in cui ti sarebbe piovuta la punizione corporale – certe botte da levare il fiato, le stesse che tu mostri di non aver mai preso.
La prevedibilità intaccava la magnificenza della minaccia, anche qualora il minacciante non avesse niente di sottovalutabile come nel caso che ti sto riferendo. Non ci si poteva far niente, era così.



Tu però adesso prova a recitare questo schema.

'Ùuuu-no' (4-5 secondi)
'dùuu-e' (4-5 secondi)
'duemmèzzo' (4-5 secondi)
'duettreqquàrti' (4-5 secondi)
10-9-8-7-6-5-4-3-2-1' VELOCISSIMO.

Tra il 10 e l'8 provi sorpresa. Tra il 7 e il 4 capisci che devi agire, e come devi agire. Tra il 3 e l'1 devi agire così: SMETTERE quello che stavi facendo, immediatamente. E sei fortunato, molto fortunato, se nel frattempo non ti ci sei cacato sotto.



~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



Che altro aggiungere. Ad esempio, quanto non sia affatto trascurabile la differenza emotiva tra l'essere oggetto del conteggio e l'esserne semplice testimone. È davvero brutto essere 'Conteggiato fino a tre', un vero sopruso. Se un tuo compagnuccio ne avesse il potere, non esiteresti a rivolgergli il tuo sdegnato 'non vale!'. Ma sei al cospetto di Un Grande, e si sa che Il Grande non ha un'idea di cosa sia lo stile cavalleresco. Rischi le botte, di chissà quale intensità. Ad essa sei in grado di allacciare inconsciamente una relazione di proporzionalità diretta con la gravità del tuo operato, ma il dolore fisico e soprattutto morale che proverai sarà comunque, ogni volta, una spiacevole sorpresa.

Certo però che è brutto anche esserne semplice testimone. Tu stai lì, non rischi niente. Anche perché certe relazioni interpersonali tra I Grandi e I Piccoli vieterebbero alla stragrande maggioranza deI Grandi di alzarti le mani addosso, pena un biasimo sociale incommensurabile.
Ciò ti mette al riparo da pericoli contingenti. Non ti salva però dal fardello spirituale di essere complice del castigo. Dicevo, tu stai lì. Assisti. Hai visto il reprobo peccare, stai per vedere il boja punire. I tuoi occhi sono scudiscio involontario. Sono altri nerbi dolorosi, che aggiungono sfumature allo spettro delle sofferenze con cui si dipingerà il futuro immediato della vittima. Le cui sorti, se tu ti ci sei ritrovato innanzi, probabilmente non ti sono indifferenti. Tu per ella (la Vittima) provi pietà, solidarietà. Ma non la puoi esprimere; figurati se la puoi esprimere. 'No, fermo!' trattenendo il vindice braccio del boja – potresti farlo? se pure fisicamente ne avessi la forza, quello sarebbe sempre il braccio del genitore della vittima per cui simpatizzi, e il genitore del simpatizzato deve a tutti i costi continuare a esserti figura positiva, quando sei piccolo, in quanto Un Grande & per di più collaterale.
Quindi ti sei devi solo rassegnare: stai lì. Stai lì prima, durante e dopo. Se c'è pianto, tu sei microscopio elettronico di quel pianto. Mica puoi smaterializzarti, anche se questo esattamente tu vorresti. Ti senti punito pure tu, perché sei stato usato – spesso consapevolmente – come presenza ulteriormente mortificatrice. Non puoi biasimare, non puoi consolare. Puoi solo goderti la tua inesorabile figura di presenza impietosa. Ti senti di troppo nei confronti deL Grande, e di troppo nei confronti delLa Vittima. Questo ti rende, damblé, la Vittima più Grande.




~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



So che però tu a questo punto hai un problema, quello di aver praticam. esaurito la poca RAM di cui sei dotato. Hai letto fin qui e ancora non hai trovato un punto, una morale, una banconota da 10 €cu, la Berlufaccia, il coraggio politico di Walter Linguoni (che alm. slinguazzasse il culo di 1 potente & carismatico per davvero, macché! egli si capa 1a1 le crostose merdealculo del Popoloitaliano che, puravèndo beatolui i bidèt, mica li usa benissimo). Poverino, come devi sentirti smarrito.

Ma niente, è da due settimane che me ne sto a casa svociato & senza fare niente. Senza voce non posso lavorare, ma xlopiù sto bene. E avessi solo iniziato a rimontarmi la postazione musicale con cui pure mi va 1 cifra di iniziare a registrarmi le idee. Quindi, alzatomi bel bello alle h.13:17 ora terrestre, e ancora sonnoruminante, per spronarmi a farlo a voce alta mi dicevo (a tutt'ora inutilmente) questo.

'Conto sino a tre' - 'Conto sino a tre'.


sabato 7 febbraio 2009

Non c'è cosa senza spine.

È da un po' che non mi va di fare niente, nemmanco scrivere. Ma nessuno rileva una cosa che non può passare inosservata.

Questa storia di Eluana. Vorrai ammettere, non dà proprio alcuno spunto d'osservazione interessante.

  • Malata terminale ecc. ecc.
  • vessillo politico ecc. ecc.
  • rispetto per la vita ecc. ecc.
  • bella scusa per rodare ddl ecc. ecc.
  • guardate come spiezzo in 2 la costituzione come fossero elenchi del telefono.

Anche perché dopo un po' skoccia vedere due fazioni opposte che litigano sulla nojosa dicotomia 'pensiero laico vs illogica binaria religiosa', specie se entrambi gli schieramenti sono ripieni di Binettitudine. Come se Laziali e Romanisti continuassero a skannarsi per un derby giocato a squadre miste.

Quindi fino a desso il mio punto di vista subliminale era stato 'però: bona questa Eluana, che peccato che sia morta. Ah, ora che inquadrano in tivù la famiglia mi dispiace per loro, poverini, e pure per lei'.

Sembra cinico? Aspetta che ora ci s'ammazza dalle risate: c'è uno che si è fermato alla prima parte del mio pensiero subliminale. Solo che lo supralimina su giornali e televisori, sostenendo pubblicamente che spinarla(*) è un'insopportabile sciupìo delle sue potenzialità riproduttrici.
Dice Berlusconi che “Eluana potrebbe generare un figlio”. Povera Veronica, dopo la pubblica piazzata della Carfagna a questo siamo. Cercavo pure immagini da skiaffare qua sopra con Uma Thurman un po' prima che entrasse nel Pussy Wagon. Mi ero scaricato
Kill Bill 1 perché volevo catturare anche quella dove Uma piglia a sportellate la capoccia di Berlusconi, ma poi ho immaginato che non stesse bene.
Berlusconi. Capisco pure lui, che dopo tanto spergiurare sulle teste dei figli magari ha bisogno di sostituti. Chi vorrebbe mai essere una testadifigliodiberlusconi.

Berlusconi. 'Già il nome fa un po' ridere. Ma voi riderete – per quello che farò'.

Ovvero, non tanto per le sfumature pecorecce e ciniche. Ma perché è come se dicesse all'Italiano, povero & indifeso, “bada che stai a spinà(*) il concetto di Mamma”. Tutto questo dopo attente indagini di mercato, chiaramente. Aò,
al minuto 0.10 su Repubblica TV lo dice lui che hanno commissionato e analizzato sondaggi sull'opinione che ha della vicenda l'Italiano. Aggiunge inoltre che l'altro problema che si fa l'Italiano al riguardo è per quel povero padre–infermiere per 17 anni. “Ma ke ingenuo che 6, Italianino: fanno tutto le suore, quelle col regno vegetale ciànno il pollice verde & oramai ci si sono pure affezionate” - e sempre nello stesso video - “non vorrai rattristare il concetto di Suora”.

Ma perché non esiste più la mezzastagione, la £ira & la Commedia all'Italiana di una volta? Perché Albertone non c'è più? quanto pagherei per vederne un film in cui lui, capotavolando una tavolata di analisti, eviscera il problema. "Su quali caposaldi dell'Italiano facciamo leva, stavolta? Pizza? Mandolino? Mamma? Pizza non sia mai, che dopo 1 incidente stradale è di cattivo gusto. Mandolino perchenò, era pure una bella ragazza e tutti ci ricordiamo Il Culo a Mandolino cantato da Man Ray e Monica Vitti; però La Mamma è sempre La Mamma. Puntiamo sulLa Mamma".

Se mortacci tuoi mi costringi a esser serio, dirò che trovo il cinismo+spietato molto più rispettoso del calcolo politico. Di questo Camillo-Peppone dove sono stati spinati(*) solo i Pepponi. Penso che se fossi coinvolto personalmente, impazzirei nel riscontrare personaggi da reality-show che dicono la loro su mia figlia – sorella – madre – amica – ragazza.

Anche perché su sta vicenda non c'è proprio da dire niente in più di quello che trovi su quest'altro articolo, cioè ciò che segue.

“Eluana aveva fatto visita a un amico motociclista, gravissimo, che comunicava con un battito di ciglia, e «aveva acceso una candela perché morisse». Lei non ha nemmeno il potere sul battito di ciglia.”



~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



Stavo rileggendo chiedendomi se non fosse tutto troppo brutto e cinico. Poi non so come ho l'ispirazione di andare un'altra volta su Repubblicaonline, nei cui titoli di testa leggo:

Il premier [...] Al padre: "Mi dicono che ha un bell'aspetto, funzioni attive, il ciclo mestruale..."

Da quando ho iniziato, ho già dovuto aggiungere la faccenda delle suore, per aggiornare. Considerato che ciavrò messo 1 pajo d'ore a scrivere - immaginare (nel senso di 'cercare e adattare le immagini') e impaginare, non posso reggere questi ritmi. Immagina (nel senso di 'immagina') da te quello che vuoi, se ne sei ancora capace.



(*) voce del verbo staccare la spina.

domenica 1 febbraio 2009

Piccolo spazio pubblicità.

Dico, ce l'avrai una macchina no. 'Macchina' nel senso di automobile. Ci tieni, immagino, perché l'avrai pagata coi proventi del tuo lavoro, o se usi quella dei tuoi perché in ogni caso è in grado di scarrozzarti da un punto A a un punto B, che fa sempre comodo. O perché ti permette di percepirti potente & sensazionale, infrangendoti i limiti di velocità sotto il piede. O perché ti adesca ghjottamente le prede, se esposta nella pubblica seconda fila di un locale di tendenza.

Comunque, ci tieni. Magari sei uno a cui le cose capitano senza troppo sforzo, telànno regalata, sei ricco di famiglia, sei 1 ladro di macchine, sei un concessionario. Anche in questo caso però ti sarà capitato qualche contrattempo sacrosanto, eccheccavolo. Tipo una macchia di sanguedalnasococainomane sugli interni in pelle-di-Dodo che proprioquellasera ti ha impedito di prendere l'ammiraglia del tuo parco macchine. Parlo di un qualsiasi sciagurato incidente minimalista che appiedandoti ti abbia sensibilizzato sul valore che la tua macchina ti ha nel quotidiano.

Allora, avrai anche riapprezzato il senso di tutte quelle operazioni di revisione, messa a punto, riparazione, rifornimento, tagliando, assicurazione, lavaggio, che ti tengono reattiva e scattante la Macchina (che, assurta oramai a Concetto, doterei di Majuscola Categorizzante).



Certo che, anche se fai l'informatore scientifico, per la maggior parte del tempo tu non stai In Macchina ma dormi, mangi, copuli, acquisti, defechi; tutte attività che, lo ammetterai, sono più soddisfacenti se condotte negli esterni della macchina, anche quando essi non siano in pelle e radica.
FuordiMacchina ecco che si rendono necessarie altre appendici. Le mani, l'ugello, gli occhi, i nasi, le gambe e via dicendo. Lungi da me proporne una gerarchia, ma bisogna riconoscere che chi ne tira le fila spesse volte, almeno nelle più rosee previsioni, è Il Cervello.



“Sento un rumorino che non mi piace” - “trovo sempre una macchia d'olio in garage” - “mi sembra che sui rettilinei tenda a sbandare a sinistra” - “la lavi bene mi raccomando, che più d'una tipa non mi ci sale per le mefitiche esalazioni di Cane che ne provengono” - e tutto questo genere di ansie, legittime aggiungerei. La normale messa a punto che ti garantisce l'uso ottimale di un mezzo che abbiamo ormai stabilito esserti non solo di trasporto.

Well. Tu fai quello che ti pare, te lo dico non nel senso materno & esasperato. Guida, copula, mingi, erutta, sputa sentenze, soperchia, subisci e via dicendo. Ammetterai che il denominatore comune di queste & altre operazioni dovrebbe essere Il Cervello.

Uno strumento che quindi ti si preannunzia così prezioso meriterebbe ogni attenzione, no. Tarature periodiche. Operazioni di ripristino del fondoscala. Sennò gli errori si accumulano. Dàje, tipo quando pesi prima la tara e poi il lordo, da cui trai il netto tramite sottrazione. Solo così puoi fidarti della bilancia; sempre che a vuoto ti stia sullo zero. Puoi verificarne a ogni momento il funzionamento mediante l'uso di campioni di pesi già noti.

Ma perché allora non corteggiarti almeno altrettanto le Cervella, diogorillalilla, ma perché devi sempre farmi arrabbiare. Ammetterai che Esse meriterebbero ventinaja di volte le premure che ti riservi all'autovettura solo perché ti concede le varie sfumature dello scarrozzarti. Ci saranno accumuli di pensiero, sedimenti, briciole, da cui ti nasce il tartaro. Usati il filo-interneurale, ti direbbe il neurista. Fatti una pulizia dei neuri, almeno una volta all'anno. Ma diosquatter del pianeta Tèra-Tèra, prenditi cura dell'entità che se malfunzionante, più di ogni altra può inficiarti le prestazioni in modi oserei dire terrificanti.

Potersi immaginare ogni volta le tue obiezioni meschine: che condanna. “Ma come si fa a manutenersi le cervella, dove si reperiscono informazioni, quali parole chiave digito su Google”.
Mi sembra che ciò non ti abbia distolto dal sapere oggidì come stipulare un'assicurazione o dove fare il bollo, o come addestrarti i genitori a farlo mentre nel frattempo si beccano le tue puntualizzazioni capricciose. Allora perché, dio-ssinanellamozzarella, non hai l'ombra di analoghe informazioni sulla gestione e messa a punto delle Cervella, quando esse possono ancora farti inorridire, in questo preciso istante, alla scoperta della tua superficialità?

“Ti prego, svelami come; mostrami la Via, la Verità & la Vita. Lasciami acquistare 1 prodotto che mi ajuti a punirmi della mia scelleratezza, se non a intraprendere una lenta e forse impossibile redenzione”.

Un prodotto c'è, ed è gratis, e sicuramente non è manco l'unico. La ficata grossissima è che prodotti tali sono 1 cifra e ne siamo circondati nel quotidiano, ma i nostri sensidiragno pizzicando ce ne segnalano l'acume degli spigoli. Tipo: leggiti un giornale di Destra, se sei di Sinistra. Vediti una trasmissione di Alto, se sei di Basso. Assisti a una partita dalla curva Grigioverde, se i tuoi colori sisà sono il Beigeblù.
“Ma, che schifo, no! è troppo il fastidio per tutta la seg. serie di motivi sacrosanti e inconfutabili” e giù la lista. E invece è un cazzo di esercizio mi sa più zen di qualsiasi oriente, più spirituale di qualsiasi vapore alcolico, più balsamico di qualsiasi pacco di banconote acetificate in microbottigliette.

Te ne propongo uno. Non è uno di quelli che puoi immediatamente identificare, schedare e inglobarti nel tuo 'buono' o ejectarti nel 'cattivo', anche se forse te ne ho rovinato l'effetto-sorpresa citandolo in precedenza da qualche parte.

Io ne ho visto l'insegna da qualche parte questestate. Le fasi attraversate sono state:

1) fico!
2) assurdo
3) non ci capiterò mai più
4) però guarda
5) mi ci faccio un check-up completo a basso livello
6) che culo che ciò avuto a imbattermici
7) ora mi sento meglio.

Insomma, ancora non l'ò finito. A un certo punto però ho deciso di rimboccarmi le palpebre e cominciarne la fruizione dall'inizio, nonostante certe affermazioni che contraddicevano la mia stessa essenza. Ma forse ciò imparato che contraddirsi l'essenza può essere utile, fruttuoso, certamente divertente.

Guarda che è 1 strum. invasivo, eh. Invasivo, pervasivo, pervicace e pervinca. Mentre lavora, la sua azione si sente. Tipo, io ho dovuto coabitare col vituperio dei Beatles, dei Baustelle, di Umbertoeco, coll'amore incondizionato deL Cane. Ma è proprio da lì che viene l'effetto curativo. Le indignazioni ti diventano nervosismi, fastidi e poi sorrisi. Spesso ho avuto la tentazione di ribattere, puntualizzare, far notare, lodare. A ciò ho blandamente indulto, 1 pajo di volte. Ma più forte di ogni altro impulso è stato quello di rivedermi a un certo punto le convinzioni. Così, perché no. A un certo punto, avevo capito, era goliardico oltreché utile. C'è dentro un gran numero di belle idee, qualcuna magari dal tuo punto di vista la trovi faziosa. Ma l'importante è che non ti si vuole vendere niente, dietro i modi totalitari non c'è alcun proselitismo. Cosa che trovo quasi affettuosa con chi legge. Dietro certi perentautoritarismi mi sembra di scorgere la rivendicazione al proprio diritto di esistere col proprio fardello di opinioni non convenzionali, ma forse in questo mi faccio acquajolo del mio stesso mulino. Comunque, uno cerca sempre quello che sa nel mondo esterno, a rassicurante conferma di sé come già scrissi in precedenza; anche se la lezione di cui qui mi faccio banditore è esattamente l'opposta.

Senti questa perla di saggezza che ti esco damblé: lo scontro di manicheismi opposti è autoreferenziale & ricorsivo. Il loro confronto no, è direi provvidenziale & concimante.

Quindi fai comecazzotipare, e non certo perché te lo dico io. Però sappi dell'esistenza di questi strumenti di autoneuromedicazione, e addirittura del n° di scaffale e di posto su cui se ne trova uno gratis. Che è questoquì.


Paperblog