domenica 23 novembre 2008

Il dilemma del prigioniero.

Oggi ero sul Raccordo quello Grande & Anulare, tornante a casa da una ghiotta spesa di mutande di Intimissimi, un libro di Andreapazienza e 1 di Primo Levi + due ciabatte imbottite della North Face che renderanno più di tendenza le mie solitudini. Dopo settimane di austerity continuavano infatti i festeggiamenti per la Riscossione del Primo Stipendio dell'A.A. 2008/09.
Nello stereo i Perigeo, Torre del lago e poi Via con Beato Angelico. Quindi capisci bene che ero incline alle riflessioni. Da destra in quel momento si estroflette uno stormo di volatili. Sai, quelli che tuttinsieme prendono le forme di qualcosa. Che pulsa, organico, comprime e spande i suoi interstizi.
Lo credi giocare perché non ti sembra vero di poter proiettare su qualcosa i tuoi desideri inconsci, specie quelli più difficili da vedere 1 giorno realizzati.
Invece sai che fa? te lo dico io, perché per una volta c'erano le condizioni emotive per favorire il ricordo di qualcosa che avevo letto chissà dove.

Dice che i banchi di spinarelli, gli stormi di uccelli, i branchi di gazzelle, corrono-volano-nuotano-strisciano tuttinsieme (come sa chi da piccolo gli compravano enciclopedie di Topolino o vinceva costose partecipazioni su emittenti televisive locali) per un preciso motivo. Che non è ludico manco un po', anzi; infatti lo fanno nel tentativo di scampare alla morte. Ciai presente forse qualcosa di meno ludico? Prova a immaginarti te stesso, se ci riesci, mentre con uno dei tuoi trucchi tenti di scampare alla morte. Fatto? Ora ricordati te che giochi, una qualsiasi volta di te mentre giochi. Fatto?
Diverso, eh.

E come si svolge, come si svolge questo tentativo di scampare alla morte?
Ma niente, ti metti te & 1 altro milione a mangiare, ballare, urlare a skuarciagola (fico Skuarciagola come nome di 1 gruppo), cantare. Tutti insieme, rassicurati da quel milione di posti di lavoro promesso che oramai sarà imminente. Tutti a fare la stessa cosa qualsiasi, tutti nello stesso momento. Ognuno svolge la sua, solo vagamente consapevole che sta capitando lo stesso al milione di esemplari circostanti. Pensa il casino.
In questo kasino succede una cosa strana. La Morte, nella persona episodica deL Predatore, ti vede come una Massa Informe. Informe ma perlamadònna immensa, molto più immensa dei suoi artigli/zanne/falci/scacchiere bergmaniane. Quindi, povero Predatore Mortifero, si sgomenta.
Se invece non si sgomenta perché è del tipo poco fantasioso, lo vedi partire in quarta verso il tuo milione interatomico di colleghi, puntandone singolarmente i nuclei. Che ti frega, però. Sai bene che infatti quello sovente cià la vista di Lembo Kid quando si tratta di puntare 1 singola preda, ma finché non la punta lo sciocco vede solo Kriptonite. Fluttua please, continua a fluttuare come l'insensato che sei, che per un po' gli rimandi il pasto.

Fico eh. Forse pure tu per lo stupore ciai la bocca aperta (io ce l'avevo mentre scrivevo, pur avendo già un'idea, per quanto vaga, di ciò che stavo per scrivere). Quindi chiudila per cortesia che non sta bene. Mentre esegui ti rimarco un punto che non credo che le tue latenze temporali ti abbiano ancora permesso di cogliere. La domanda è: 'Nella figura informe, chi occupa le posizioni periferiche, che sono evidentemente le più pericolose? e soprattutto, perché?'



Riapri per lo stupore quella boccaccia e poi richiudila, per poi non permetterti mai più. Non davanti a me, che mi fa schifo a meno che sei femmina decente e ti vedo la lingua. È infatti evidente - che peccato non poter garantire praticamente mai per l'acume del proprio lettore – che chi occupa il centro è l'esemplare più sicuro della propria sopravvivenza. Chi no, no. Tu dirai “bello stronzo, 'chi no': cosa aspetta a convergere”, tradendo così la tua appartenenza al genere di persone di cui disfarsi sarebbe bellissimo. Dirò solamente: checcazzo ci fa qui uno come te con in onda così tante repliche notturne del tg4 da visionare?
Dici che non hai detto niente, e sostieni che non è per lentezza di procedere mentale ma per buona educazione civica? Mah, mica lo so se ti salvi; non sarai mica 1 po' fesso? possibile che l'idea manco tià sfiorato? 'Mazza, spero di non dovermi mai trovare con un compagno di avventure palloso come te. Ah, ecco dove l'avevo letta. Storie confuse di Teorie del Gioco; infatti, quale comunità ha senz'altro più probabilità di sopravvivenza, tra quella cooperativa e quella scooperativa? quella Consociativa o quella Dissociativa? La risposta esatta, a tutt'oggi, è 'Boh, cosa intendi per comunità? un'entità astratta o gli individui che la compongono? ecc. ecc.', diowrèstler cheppalle.

Come vedi, non c'è soluzione. Gli spinarelli sono pallosi. Gli uccelli singolarmente sono simpaticissimi, ma na caciara collettiva di uccelli Hitchcock cià insegnato di no. Le gazzelle sono fra gli animali per la cui inespressività avere empatia è più difficile. Qualsiasi soluzione all'enigma tu mi offra, ti avverto, mi ti renderà ancora più inviso di quello che potresti già essermi. Anche – e specialmente – se tu l'enigma lo risolvi, perché in questo caso la tua intelligenza, che in altre circostanze da lettore avrei molto ammirato, metterebbe in cattiva luce tutte le volte in cui tiò bistrattato. Quindi fai una cosa, fila via e lasciami andare a prepararmi per il letto con ai piedi le mie misantropissime The North Face imbottite, che quest'episodio mi dimostra per l'ennesima volta come dal consorzio non solo umano non se ne esca se non sconfitti.



Comunque, la cosa delle TheNorthFace imbottite non la potevo fare, in quanto non diegetica. Nel senso che è un pensiero fuori dalla consecutività dei tempi, lo pensavo ora che trascrivo i vecchi pensieri e non mentre quei vecchi pensieri li pensavo sotto al roteare informe d'uccelli, ma non nel senso triviale che starai sogghignando tu. Era una battuta mia, non fingere di vedercelo tu il doppio senso audace perché celò messo io, pezzo di fesso.
Peccato perché poteva essere un ottimo finale d'effetto. Aprivo e chiudevo colle TheNorthFace (oltre a rischiare una sponsorizzazione se ripetevo TheNorthFace 1 altra dozzina di volte); puzzava veramente tanto di programmaticità d'intenti, mentre invece era solo una sculata come spesso già capitatomi. Quindi per onestà intellettuale riprendo il flusso di pensieri là dove l'avevo interrotto. Concedimi solo un'ultima divagazione: non sarebbe fantastico se dio si rompesse il femore? All'età che ciavrà a quest'ora non gli si risalda più e poi è tutto in discesa, diventa questione di attimi come ci insegnano i nostri parenti più anziani ormai defunti. Forse riusciremmo a levarcelo dalle palle e a sposare tuttiquanti Lamadonna, che sarebbe un tripudio edipico di massa. Vabè.

Ahò, insomma la questione è: lo spinarello è scandinavo, la vecchietta che sgattàjola dalla fila è partenopea. Ma il punto più alto dell'evoluzione qual è? la collaborazionistica ottusità spinarella o la verve odiosa della vecchiaccetta? Pare che i libri di biologia, in guisa di agenti provocatori del Darwinismo biologico & sociale, mentre attendono di essere definitivamente revisinonati dalle normative vigenti, diano La Vecchia alla posizione 2.0 della scala evolutiva, mentre Lo Spinarello alla 1.0/1.1 al massimo. Me lo ricordo bene perché quei libri me li sono sciroppati per tutteddùe le estati del liceo, reo dell'abisso che separava la votazione di 5,5/6- dalla sufficienza piena. Altro che femore quel coglione, vorrei intaccarlo personalmente con 1 grattugino da degustatore di Grana. Però allora perché alla vecchiòrrida uno gli darebbe una gomitata sulle gengive, e
invece caccia la lacrima dalla saccoccia lacrimale quando Pieroangela gli serve lo spinarello nella padella del pesce grande? Io chi cazzo sono? Chi cazzo devo essere? Un individuo e stop, o la transustanziazione della collettività? Sono sicuro che cià già pensato qualche cervellone che non ho portato alla maturità e quindi non ciò 1 idea di chi sia. Come pure mi sembra strano che uno qualsiasi di codesti cervelloni abbia potuto dipanare una tale gordiana matassa. Guarda, la mia posizione è questa. Un tempo accettavo l'eventualità di una rischiosa periferia nel timore delle Jesus' Tears. Che paura che avevo, quale cazzo di timore provavo, per l'eventualità di farmi sorgente delle Jesus' Tears coi miei comportamenti scapestrati! Poi, superati certi attimi di sbandamento di cui non ti dirò mai, MAI! perché mai potrei dirtelo, anche grazie a questi sbandamenti erostratiani mi sono riinquadrato alla possibile precettazione periferica per tutta una questione di lealtà & correttezza. Io credo che lealtà & correttezza, se applicato per bene, possa essere 1 trucco più furbo persino di Berlusconi e del Berlusconismo. Che prima si chiamava Forza Italia, adesso Il Popolo delle Libertà, ma i 18 milioni di telespettatori votanti sono trasversali. Quindi mi comporto così, inseguo 1 ideale di comportamenti che sui grandi numeri penso sia la cosa più paracula, per i ritorni personali che esso mi può assicurare. Per quanto mentre sto al volante credendo di comportarmi lealmente & correttamente compio una serie di scelleratezze illegali quali rossi infranti, sorpassi a destra, parcheggi illegali, senza manco accorgermi. Però aspè, i rossi che infrango sono quelli di certi incroci notturni in cui non passa mai nessuno. I sorpassi a destra li faccio solo quando la strada è alm. a 2 corsie e colla linea tratteggiata, può essere pure che si possano fare, non mi ricordo che diceva il libretto della patente, è passato troppo tempo. I parcheggi illegali non sono certo quelli che la gente fa in seconda fila, che se pure qualcuno dice 'tanto ci rimango dentro io, se dà fastidio la sposto' le altre macchine passano a fatica, e perché mai uno dovrebbe faticare per la comodità di uno che a quel punto è uno stronzo.

Però vedi 1) che certo non ciai proprio niente da fare se mi stai nella capoccia a origliare queste insulsaggini 2) che razza di spinarello scandinavo sono, se la mia concezione della legalità me la slabbro addosso alle mie convinzioni bitorzolute? se oggettivizzo la mia morale? ma aspetta, la morale era oggettiva o soggettiva? eccheccazzo ne so, mi ci avessero rimandato forse a quest'ora un'idea celavrèi, ma così no, tanto sarà pieno di furboni di buona memoria che non vedono l'ora di andare a caccia di fregna colle 4 cazzate su Kant & co. che si scrivevano sui palmi delle mano al liceo.

Comunque, fregna, Kant, spinarelli, capitan Findus, vecchiette
, predatori frastornati, ciabatte colle piume d'oca dentro che non lo sapevo come gliele cazzotolgono sennò col cazzo che me le compravo, compongono un quadro che cela necessariamente la soluzione. Noi ci abbiamo bisogno della soluzione, io tra un deltatì ridicolo trasgredirò nuovamente la morale (s)oggettiva. E allora cosa posso fare per prevenirmi questo crimine orrendo? No, sul serio, per me è orrendo per davvero; io odio chi non spinarella come si dovrebbe fare tutti, non voglio certo macularmi di qualche colpa perché questo è uno dei rari casi, forse l'unico, in cui voglio mantenermi l'occhio libero dalle travi e col mio biasimo implicito tenermi sacrosanta la possibilità di cacare i cazzi in tutta coscienza di tutti quelli che girano sciorinando le loro pagliuzze oculari. Quindi, comporre il busillo è urgente, davvero urg



Porca troia, “This guy's in love with you”, Burt Bacharach, nella versione di Herb Alpert.
Questo è 1 colpo basso. Scatta la goduria.

4 commenti:

fruttimentali ha detto...

Tra una pippa mentale e una non, è da agosto che non uploadi una canzone. Datti da fare, la musica la puoi scrivere anche da molliccio e non abbronzato.
Facci sognare, non diventare ciechi.

Vilipendio ha detto...

Un altro nome x gruppo da paura è proprio Jesus' Tears.
Un altro ancora, perché no, è Kant & co.
Ansènti oltretutto quanto suònino entrambi 1 cifra bene.

Di music & soprattuttolyrics me ne girano in testa a pacchi in sti tempi di comunicazioni interrotte, ma chi cià voglia.
Niente da fare, altro che musica, da domani voglio inizià a mette su Ebay 1 po' di nomi da paura di gruppi.

Il Riccioletto ha detto...

"Squarciagola" è il massimo come nome di gruppo, bisognerebbe depositarlo immediatamente.

Un altro nome simpatico potrebbe essere "Parsimonia".

Cmq Squarciagola è perfetto.

Vilipendio ha detto...

Aaaargh, 'Skuarciagola'!
Senza la kappa sembra una parola tolta di bocca a Ritapavone, senèsce (nel senso di senectute, non di senuscìrsene) come un gruppo di adesso senza la fisarmonica, vien meno tutta la verve guerrafondaja.
1 conto è skuarciarla la gola, 1 altro è solo scquacciarla. Cavolo, diventa una cosa di Giuliiverni, da Victorugò, da Tigrottidimompraciem, vabbè sesémo kapiti.

Paperblog