mercoledì 29 ottobre 2008

La più bella.
























Ideata da st'estate, volevo indossarla il 25 ottobre, giorno del mio Dis-sacramento. Macchè, se nè infilata per primo una lui con 1 maiale dentro 1 triangolo e la scritta che non ero credibile io.

8 commenti:

Il Riccioletto. ha detto...

Veramente favolosa.
Bisogna riscorprire i valori nelle piccole cose di tutti i giorni, e sintetizzarne il messaggio nella sua forma più essenziale.

Vilipendio ha detto...

Eh sì, non credevo che la paternità portasse tante gioje, sono fiero di questo slogan come di quell'altro, per quanto siano diversi voglio bene a tutti e 2.
Come dicevi tu mi sono scarrafoni, e gli scarrafoni valgono anche ai papà.

fruttimentali ha detto...

Si, proprio bella! Sentite questa variante: "Oh mio Dio, non ci posso credere!"

Anonimo ha detto...

Vorrei contribuire all'avvincente spirale creativa con questa frase:

MIO DIO!!!! C'È DA NON CREDERCI....

ferro

Vilipendio ha detto...

Haivoglia se c'è da non crederci. Tipo adesso sto bighellonando su internet mentre sto in classe senza alunni, causa protrarsi di scioperi vari. Con questa vacanza di fondi per la didattica, sto sperpero di forza lavoro cui dio (che cazzo di nome arrogante) stolidamente acconsente, è 1 vero delitto.
Ma tu sei Ferro quello degli omonimi tapes 'Ferro Special'? quelli vintage della Standa pre-berlusconiana? Skerzo, so benissimo che mi sei stato recente commensale africano. O almeno credo .

Anonimo ha detto...

Un'altra semplice semplice
"Mio Dio... che cazzata!"

Anonimo ha detto...

Senti questa della mia amica Silvia-Yuri...

"Mio Dio!..... Ma che stronzo!!"

sempre ferro

Vilipendio ha detto...

Vedi? vedi? Ognuno la vede a modo suo.
Io la mia me la vedevo con quell'osservazione apparentemente estatica, che accanto al mio sorriso pelato beotamente beato suggeriva ben più scettiche chiavi di lettura.

Sigh.

La mia perversione sensuale favorita, altro che veline & letterine, è 1 nutrita schiera di fanciulle dai risi argentini che ti brulicano provocanti attorno in attesa di, ciascuna indossando solo coteste succintissime canottiere ombelicali con su indicato il medesimo concetto nella propria rielaborazione poetica.

Quel Mosley, con le sue escort che lo prendevano a scappellotti mascherate da SS.
Che scarso in fantasia.

Paperblog