lunedì 25 agosto 2008

Botulismo.

No, siccome è un po' che sto in montagna coi miei ceno con loro e mia madre vede in televisione La botola. “La botola”.
La mia sconfitta di esponente del genere umano è nel saper associare un significato televisivo a questo sostantivo. Purtroppo non è l'ennesimo appellativo con cui potresti apostrofare la madonna se la vedessi in istrada a riscaldarsi le mani dietro a un focherello di latta (speranza vana perché nonostante certi festeggiamenti di mezzo agosto il suo còrpore sarà ormai putrefatto da millenni). Purtroppo per noi e per tutti, “La botola” è elettrosmog captato da certi televisori all'ora di cena. Sull'ammiraglia delle reti pubbliche, che per questo e per altri palinsesti non dissimili mi ha inviato 3 ingiunzioni di pagamento in 5 mesi (perentorie e piuttosto minacciose) per farmi pagare un canone. Che io non pagherò, anche per il motivo secondario di non possedere televisori.
Certa roba non dovrebbe neanche essere citata;(*) quanto mi pareva buffo il mio bassista che s'indignava per le vacuità dei protagonisti del Grande Fratello. Un nome di qua, un altro di là, "manco dovresti conoscerli sti nomi", gli dicevo, "è na sconfitta. Il successo di ste cazzate s'arresta solo se al bar uno che prova a commentare le gesta di sti stronzi percepisce intorno a sé il gelo siberiano". "VeVamente," faceva lui stropicciando rotacismi, "questi nomi li conosco peVché vedo Mai diVe Gvande Fvatello, mica guaVdo il pVogVamma oViginale". 'Bravo fesso', pensavo, 'sei cascato nel target intelletualoide che comunque spigne Grandi Parenti pure agli snobetti come te'. Ma io che c'entro? Non ciò colpe, io glielo dico a mia madre di mettere qualsiasi altra cosa o di spegnere, se ciavessi + confidenza le direi che la pornografia è questa, non i giornaletti sozzi che mi buttava a quattordicianni.


Per quanto nolente, percepisco comunque dinamiche strane. Ci sono scontri fra incapaci esibizionisti, nei campi più immediati che possa percepire lo spettatore da rendere ancora più zotico. Il canto. Il ballo. La giocoleria. L'(brrr) imitazione. Certo non la scienza per esempio. Un tempo era ancora ammessa. Uno dei contendenti sarà bocciato dal voto del pubblico, e allo schiudersi della Botola finirà in una piscina dove purtroppo rispetto al più pertinente H2SO4 manca un S e tre O. Porcodio che sconfitta infame, sapere queste cose.
Regolarmente, si alternano due tipi di partite. Una tra dilettanti allo sbaraglio da dileggiare. L'altra, giocata da gente che nel suo campo non è malaccio. Quest'alternanza però non è palesata. Quindi si crea la dinamica di dire 1 dopo l'altra esattamente le seguenti 2 proposizioni articolate, nel primo caso:

“Qualcuno ha inventato la morte x lapidazione. Non siamo dei tecnici, ma ci vorranno crediamo decine se non centinaia di sassi ben scagliati in punti vitali per provocare la morte. La sofferenza indubbiamente c'è, fisica e pure psicologica. Che succederebbe a sostituire i lapis cogli sputi? quanti di questi sputi ci vorranno come corrispettivo di ciascun lapis? Buttiamola là, un sasso in fronte potrebbe equivalere a mille sputi nello stesso punto e bona lé, come mi sembra diceva a un certo punto un personaggio di Andrea Pazienza. Calcola che ciò che occorre è la Pressione. Che è il rapporto fra Forza diviso Superficie. La forza di una sassata è superiore a quella di 1 sputo, ma 1 sputo si concentra inizialmente su una superficie + piccola, per poi magari spandersi. Quindi, pure meno di un migliaio di sputi per ogni sassata. Poi c'è gente che sputa calibrando che è una meraviglia, non come Tottigòl che due europei fa sembrava una doccia con sotto Poulsen.
Vogliamo fare che si muore per 300 sassate? facciamo pure che una sassata equivale a 100 sputi ben piazzati; fanno 30.000 sputi. Faticoso, ma vuoi mettere la soddisfazione?
DATE QUESTA MORTE A TUTTI E DUE quegli stronzi incapaci, poi a chi vede questo tipo di trasmissioni, anzi datela solo a quelli che decidono di ficcarle nei palinsesti che può vedere chiunque.”

Quando invece bisogna che sia escluso uno dei contendenti bravini nel loro campo (te lo ricordo perché io sono 1 po' prolisso e tu certe volte mi sembri così fuorviabile), la dinamica che dicevo si creava fa dire:

“Che rosicata, questi so bravi tuttied2 e invece uno dovrà essere piscinato. Ma perché non uno di quelli di prima, allora”.

E niente, in sta dinamica incappa regolarmente anche 1 riottoso come me.


Allora, se ti viene in mente di produrti in quel virtuosismo causa di tante genialate che è lo Spostamento del punto di osservazione, capisci che quindi queste trasmissioni nel loro genere sono pure ben fatte. Non come finalità, grullo maledetto, come cosa in sé dico. Mortacci loro, il gradiente emotivo c'è, pure banale, e in più le solite cose su livelli più in superficie.
Tipo quel balordo di Frizzi, che non mi sta antipatico. È troppo giuggiolone, mi frega da quando conduceva Tandem con un prete e faceva Paroliamo (o era Fabio Fazio? boh, è una questione talmente insulsa che manco scomodo Google per chiederglielo, come sono solito fare). Diceva in un'intervista vecchissima che prima della diretta nel camerino si gasava purtroppo non collo Zyklon B (come si scrive questo invece su Google lò sbirciato), ma ascoltando 'The knife' dei Genesis. Che voglio dire di tutto il repertorio dei Genesis con Peter Gabriel & senza, 'The knife' è il pezzo più balengo, lo dico senza manco sapere che dice il testo. Ma mi è sempre puzzata di elfi folletti cavalierarmi&amori da quindicenne, ovvero la mitologia brufolosa di un giocatore di Dungeons&Dragons (altra sbirciata su Google, però avevo indovinato entrambi gli spelling, ho dovuto controllare pure spelling e siamo a 3 risultati giusti, ehm). E poi si sa che i 12 ottavi meglio che li lascino ai progressivari italiani loro contemporanei tipo PFM, che i ritmi ternari li tarantelliamo da sempre meglio noi. Porcodio, che voglia avrei di una sigaretta.

Come fai a prendertela con Frizzi? È chiaro che sta lì per fare il Mikebongiorno Schizoide del 21esimo Secolo, con molti meno Umbertièchi che te lo Fenomenolospièghino. Però ti garantisco che in lui non c'è artefazione. È proprio cosi. Stupido. Dico lui e non te, eh. Subito ciài la coda di paglia. Lo so perché lò visto con la stessa faccia stupida dal mio dentista colla figlia che è altissima pure lei, ma buon per lei cià la faccia seria. Ciò determina 2 considerazioni: ci credo che è seria, poverina, che si dovrebbe ridere?, e: dev'essere costoso il mio dentista. Mike Bongiorno invece no, sembra tanto umile e distratto a tv accesa, ma io lò visto prima di quando si urla 'nero!' e si va in onda (in quei casi il nero è ancor + il colore della paura, per chi sa di cosa parlo, specie se c'è Mike Bongiorno). Aveva la faccia più orribile e spietata che io abbia mai saputo immaginare. Dev'essere molto, molto cattivo. Forse è stata l'“Allegria!” forzata cui si è costretto per tanti anni, o forse la cirrosi di tutte quelle Grappe Bocchino.

Però, male ne aggia la madonna, come lo finisco questo post? A che serve esortare a spegnere la televisione? non scorgo attorno a me elettrodomestici altrettanto subdoli, ma è probabile che certe porcate riuscirebbero comunque a infilartele altrove. Pensa che palle, ti fai la doccia e dallo scaldabagno Berlusconi ti chiede se gli consenti. No no porcodio; più che a spegnere le cose famo prima a tenere accese le cervella. Ricordamelo pure te eh! quando puoi.



(*) scusa, ma secondo me il punto&virgola in certi casi fa proprio ridere.

2 commenti:

Il Riccioletto ha detto...

Ma il balletto iniziale di Frizzi in mezzo al consueto drappello di veline? Ma come cazzo si muove? Brrrr che fastidio. Sì OK, guardo le veline. Ma durante i primi piani su Frizzi che devo fa, leggo qualche verso della bibbia rapidamente alla stessa stregua di come si dovrebbe fare nell' attendere che un semaforo diventi verde??

Vilipendio ha detto...

Ma a pAVoposito di bibbie ai semafori, era giusto "so da dove vieni" di Jason? Secondo me le veline vengono meglio su Internet, cenè na freca già gnude senza veli ipocriti ma soprattutto senza Frizzi & Lazzi. E se poi uno cià la perversione si scarica anche Frizzy (Auwhòw-whòw direbbe quello sotto casa tua a S. Marinella se non fosse salmizzato) & Lazzy.

Paperblog