lunedì 14 luglio 2008

Re Carfagna.



















Allora, ci sono un francese, un inglese, un tedesco e Il Riccioletto. Il francese, l'inglese e il tedesco lasciali perdere, sicuramente faranno qualcosa di divertente (mai quanto l'italiano) ma non è pertinente con il fatto in questione; Il Riccioletto invece mi sta spammando la casella di posta elettronica con una serie di mail la prima delle quali s'intitolava 'Carfagna', e quindi le altre Re: 'Carfagna', e il problema è proprio questo. La nostra monarchia di tipo carfagno.












Dice Il Riccioletto, la Carfagna in tutte le foto che girano da quando è ministro cià gli occhi sgranati, in quelle prima no, e regolarmente mi allega tutte le foto del prima e del dopo. Ora, non che questo non mi faccia piacere, io che non vedo da anni la televisione ho scoperto che la Carfagna è una gnocca notevolissima (anche se questo m'inquieta; è strano dopo tante Bindi-Bonino ecc. vedere che le donne che ti governano te le potresti fare + o meno tutte quante, se messo alle strette). Ma sta cosa degli occhi normali e poi sgranati aL Riccioletto proprio non va giù. È strano, tra me e Il Riccioletto quello che storicamente in gioventù s'indignava sono sempre stato io, per il successo incomprensibile di Vasco Rossi, per l'esistenza di Jovinotti (un Djfrancesco ante litteram), per la musica da discoteca e tanto altro, quindi questo fatto m'incuriosiva. Ho proposto questa chiave di lettura, che in effetti m'ha fatto passare. Ho detto che mi ricordava me stesso il primo anno che insegnavo Acustica all'UM: mi sembrava di essere completamente impreparato rispetto al resto del corpo docente che mi pareva interamente costituito da luminari delle materie che insegnavano, e per tutto l'anno ho avuto una gran paura di essere beccato. Poi dall'anno dopo è stato tutto + facile, una casistica di risposte a domande strane ce l'avevo anche se ogni anno c'è quel paio di domande che boh? e sotto coll'improvvisazione. Ecco, forse in quel primo anno ce li avevo anch'io gli occhi sgranati. Quella povera Minestrina potrebbe semplicemente avere una gran paura che arrivi Oscar Luigi Scalfaro e la riporti per un orecchio nell'avanspettacolo scosciato da cui proviene. Il Riccioletto dice che in effetti sì, è questo che lo indigna, cito fra virgolette da una delle sue tante email al riguardo perché merita (soprattutto l'incipit è uno dei migliori che io ricordi): “Moltissimi italiani hanno un padre, e credo che tutti questi italiani dovrebbero ammettere che loro padre, con i sacrifici che ha fatto, vuoi nella cultura, vuoi nell'esperienza, che sia anche esperienza contadina, sarebbe più degno a ricoprire il ruolo attuale della Carfagna. Ritengo che fare ministro la signorina occhi sgranati sia una terribile offesa per ogni italiano non allocco. Egli non può considerarla più consona di suo papà. Così come ogni scarrafone è bello a mamma soia, (cosa verissima se ci pensi), possiamo dire che il ministro Carfagna è peggio a ogni papà.
























Uff, che fatica a Ricciolé! Spero di aver reso il tuo pensiero. Io glielo avevo detto aL Riccioletto di scrivere lui un post su sta faccenda che poi lo mettevo sul blog, mi avrebbe fatto sentire importante na cifra poter dire 'Ricevo e volentieri pubblico...”, ma non gli andava. Per finire, la mia prima chiave di lettura di tanto sgranar d'occhi era stata che proprio per la gnoccaggine della Carfagna ciaveva ragione Berlusconi ad averle detto che se non c'era quella rompiballe della Moglie n°2 ne avrebbe di certo fatto la Moglie n°3, tra una moina alla Famiglia e un'altra all'indissolubile Sacramento del Matrimonio. Aggiungevo che sarebbe stata una ficata vedere come quel vecchio tappo spelacchiato si sposa una senza manco preoccuparsi di chiederle un parere, e che forse è per quello che la poveretta in questione ha ancora gli occhi sgranati di chi ha schivato per poco la sciagura, tipo 'se non c'era la n°2 altro che Minestrina'! A pensarci bene questa tesi non è da buttar via.

Però.

Pensaci su. In quel lungo torpore che ricordo essere stato il mio liceo classico, tra le tante traduzioni che un quindicenne svogliato può eseguire puntando alla sufficienza preoccupandosi solo di grammatiche & sintassi senza manco immaginarsi che dietro ci sia il pensiero spesso interessantissimo di una persona, c'era quella storia di Caligola che in spregio al senato elesse senatore il suo cavallo. Quando sei adolescente a ste cose non è che gli dai molto peso, è molto più importante badare a brufoli/ forfore/ pinguedini/ magrezze/ stature/ assenze di motorini che far caso a quel calderone mitologico in cui Re Mida trasformò il piombo nell'Oro di Priamo colla pietra filosofale e poi del cul fece trombetta. Ma ora che mi appropinquo alla morte a larghe falcate, che magistrale è la storia! E che soggetto Berlusconi, Caligola sì che era gagliardo, vuoi mettere ma manco Caligola, diciamo Pannella + Cicciolina? Cicciolina sì che era preparata, guarda com'era rilassata anche dopo la sua elezione. A Berluscò, non solo non te sei inventato niente ma hai pure copiato male: quella, in tailleur, a na ministra ce potrebbe pure assomiglià, Cicciolina e il cavallo di Caligola al tailleur non ce se so mai piegati.

Come al solito, Berlusconi non riesce a stupirmi più di tanto. Chi mi stupisce veramente è tutti noi. Porcatroia, in effetti non c'è nessuno che ci scherza su? nessuna satira? nessun barista mentre ti dà cappuccino & cornetto? nessun tabloid? niente di niente? Femminucciste, le 'quote rosa' questa fine lasciate che facciano, alla fine? Boh. Si vede che oramai è normale.

E su Vista? possibile che nessuno sputi a Vista? Che nessuno inorridisca per il fatto che l'unico sistema operativo che si possa acquistare ormai per un PC sia così orribile? che tutti continuino in scioltezza a pagarlo al negozio? possibile che quel vecchio ragazzetto biondocchialuto americano di Bill Gates, dopo aver militato nei R.E.M., negli America e nei Doors come tastierista, grazie al monopolio informatico di cui è detentore ci conceda quest'unica beffarda costosa alternativa? Boh. Si vede che oramai è normale.

Per me no. Quindi ho fatto così.







  1. non ho votato Berlusconi

  2. ho votato Di Pietro, ovvero l'unico rappresentante di una forza politica con aspirazioni di governo che gli andasse contro senza incomprensibili imbarazzi (anche se mi è dispiaciuto un sacco di non votare il buon Walter Disney la cui umanità mi conquistava sin da quelle recensioni di film che faceva nei tardi anni '80 suL Venerdì di Repubblica, solo che cazzo, ti disfi della sinistra perché dici che è casinista e non governativa e poi ti tieni la Binettiporcodiddio?!!)

  3. ho pagato in più il downgrade da Vista a XP del portatile Dell che io & mio fratello abbiamo acquistato per i nostri genitori; adesso pare che non si possa più fare, vorrà dire che o si passa a Linux (porcodio che bordello, sigh) oppure chiederò a quella mia alunna che c'è riuscita come si fa a far girare il Mac OS su PC

Poi magari farò colà (ciò pensato +o- seriamente):

  1. continuerò a votare Di Pietro o peggio

  2. emigrerò in Australia, anche se mi sgomenta il fatto che sia ripiena delle peggiori insidie faunistiche mondiali

  3. lotta armata – che divertente.

Che soddisfazione a essere adulti e poter andare fuori tema quando e quanto cazzo mi pare. A questo proposito, oggi sotto casa mia ho comprato un paio di sneaker invero favolose, a soli 43 ecu.



P.S: che ficata, Il Riccioletto è proprio ossessionato dal fatto in sé, guarda che mi scrive appena gliò detto che stavo a fare il post su Re Carfagna:

Bravo bravo mi raccomando mettici tutto il mio pensiero. Fai ben capire che magari è insignificante che abbia gli occhi sgranati, magari è na cazzata e nessuno lo fa notare. Però porcoddio ce li ha sgranati, dal giorno che è entrata a montecitorio ce li ha sgranati. Facciamo un esempio.
Poniamo che dal giorno in cui è entrata a montecitorio invece di avere gli occhi sgranati avesse calzato delle scarpe giallo canarino. Porcoddio è na cazzata, nulla di rilevante, ma porca madonna so sicuro che qualcuno prima o poi lo avrebbe fatto notare , così , come un atto bizzarro o scaramantico o nulla di ché ma comunque degno di nota perbacco.

Se avesse varcato la soglia di montecitorio ogni mattino con un secchio in mano, ciò sarebbe stato sì insignificante e virtualmente non incompatibile con le mansioni di parlamentare/ministro, eppure per dio qualcuno dopo le prime settimane che questa faceva ste stranezze lo avrebbe fatto notare.

E allora perché cazzo di motivo nessuno fa notare che ha gli occhi sgranati e questo fatto è vero esclusivamente per t maggiore di un istante t con zero pari all'istante del suo primo ingresso in parlamento?
Cazzo su 60 milioni di italiani, questo fatto fa irritare solo me? Non ci posso credere che io sia il solo ad aver individuato in quegli occhi spalancati del cazzo il "cuore rivelatore" del fatto che in quel caschetto sexy nero nero dal first day gira in continuazione il loop "... speriamo che non mi beccano che non c'entro un cazzo - speriamo che non mi beccano che non c'entro un cazzo - speriamo che non mi beccano che non c'entro un cazzo... ".

Loop che gira seminando terrore, terrore magari di vedere il cartello di scherzi a parte, di essere un giorno accerchiata da mille risate.


Cià proprio ragione su tutto, quel caschetto nero nero poi è proprio sexy.


7 commenti:

Il Riccioletto ha detto...

grande grande, spero il messaggio sia passato ed abbia indignato qualcun' altro, cmq meglio di così non si poteva esser chiari. Ogni papà sarebe meglio di lei, il papà contadino, il papà poeta, il papà ingegnere, il babbo dentista. Pensateci italiani, pensate al vostro babbo, tutti voi, anche i figli dei mafiosi. Qualunque babbo, forse anche il babbo già morto per i lettori meno fortunati.

P.S. Da ammazzasse la digressione su Bill Gates ed i suoi precedenti ruoli da musicista.

GiovaneDentro ha detto...

Separatamente dal Vs. intevento congiunto anche io avevo notato da tempo questa evoluzione biologica del ministrochetuttoilmondociinvidia. Tralasciando le plausibili vociferazioni sul presunto conseguimento del suo ruolo (sarebbe sufficiente parafrasare la Guzzanti di piazza Navona), la mia idea è invece che evidentemente Ella, trovandosi d'improvviso nella prestigiosa veste di Puttana D'Italia possa aver pensato, riguardando le sue vecchie foto: "vediamo... come posso apparire minimamente intelligente e all'altezza del ruolo dopo tutti quei calendari zozzi con tutti quei mesi zozzi?". La soluzione molto sbrigativa, magari dettata su consiglio dei curatori d'immagine del suo partito evidentemente troppo impegnati a pettinare i peli del collo (cit.) dell'Intoccabile, potrebbe essere stata: "'a Carfà, sgrana gli occhi".

Lezione: pare che mostrarsi in pubblico con gli occhi ben aperti mostrerebbe al prossimo di avere maggiori capacità di:

- "serietà morale": non a caso questa postura oculare contrasta con gli occhi a fessura (di tipo orizzontale, che ne sottintendono più in basso una più succulenta verticale) tipici appunto del maliardismo da calendario;

- "viglilanza": dote assai importante il vigilare per un incarico di Pari Opportunità. Come la scienza medica ci insegna, "gli occhi aperti possono contenere più immagini, che si vanno ad imprimere nello spazio tra l'inutile centro scuro e il bianco del globo dove risiede la memoria umana, per restarvi immagazzinate almeno fino ai successivi tre quarti di luna calante". (Philippus Aureolus Theophrastus Bombastus von Hohenheim, alchimista);

- "sincerità": i cattivi hanno gli occhi sottili di chi sta tramando. I buoni non pensano a queste cose, sono lì solo per voi e vi guardano con limpidezza perchè non hanno nulla da nascondere.

Questo intervento giusto per puntualizzare che: altrochè paura di essere scoperti, questa è l'ennesima sottovalutata strategia di comunicazione; ora a noi questi atteggiamenti faranno pure spanciare dalle risa, ma dagli esempi delle facce a mocassino e dai sovracitati peli in testa avremmo dovuto imparare che queste cose, alla fine, cazzo, per gli italiettiani funzionano.

Ecco.

GiovaneDentro ha detto...

Ultim'ora: in una intervista rilasciata alle agenzie il risoluto e tenace leader dell'opposizione ombra, ex-sindaco capitolino e noto estimatore di politica made in U.S.A. si dice convinto che i tempi siano maturi per presentare il proprio candidato alle Pari Opportunità Ombra. L'asso nella manica racchiudererbbe in un solo corpo le progressiste caratteristiche etniche dell'ormai prevedibile futuro presidente degli stati uniti (caratteristiche che fanno anche pàn-dan con il colore stesso dell'ombra, alè!), la sensibilità del carattere femminile e le capacità comunicative potenziate dell'attuale ministra.

Che colpo, ragazzi!

Foto.

Il Riccioletto ha detto...

Bellissimo ... sembra James Senese in gonnella mentre gli fanno ascoltare un pezzo di Pino Daniele posteriore al 1985.

Vilipendio ha detto...

Eccezionale, ciaveva ragione Il Riccioletto, qualcun'altro aveva sentito il rumore di occhi sgranati carfagni. E forse la più convincente è proprio questa terza ipotesi che propone come causa di cotanto rumore l'ennesima strategia di comunicazione. Ma che palle, tutta sta voglia di comunicarci ciavete! Ci comunicate dalla mattina alla sera. Sentite Bugo, quando sostiene che 'stare on casa è qualcosa di, di spettacolare'.
Ma poi subentra il genio. A Ricciolé, a Giovanedé, James Senese - Ministro Ombra è qualcosa di superiore. Ora mi chiedo: potreste mentre io siedo qui per l'appunto in casa continuare a darmi divertimento di questa qualità? Suvvia, datemi tanti nipotini, se riproduttivamente compatibili.
Na fissa sti blog, cià proprio preso Peppegrillo.

Il Riccioletto ha detto...

OK, allora offro un nuovo paradosso alle fauci voraci della (ahimè sparuta) indignazione: perché il maschio italiano medio smanaccerebbe volentieri i corpi di 9 parlamentari femmina di destra su 10 parlamentari femmina di destra mentre al contrario smanaccerebbe volentieri il corpo di 1 parlamentare femmina di sinistra su 10 parlamentari femmina di sinistra? Perché? Why? Soprattutto perché non se lo domanda nemmeno? Beh forse basta che alla fine viene smanacciato dall' ex-onorevole Guadagno Wladimiro. Le quote se proprio devono esse rosa che abbiano pure na bella quarta naturale, grazie.... E gli occhi sgranati.
P.S. Per questo finale a doppio applauso si ringrazia Giorgio Gaber ... "col gas aperto!"

Vilipendio ha detto...

Porcamadonna! Giorni fa ho visto al tiggì la Carfagna che parlava lungamente e a braccio di uno degli argomenti su cui evidentemente si sente più preparata: le mignotte. Aveva gli occhi sgranati, sgranatissimi, mà messo paura e fastidio pure a me, come tò capito a Ricciolé! Poi una cosa che non avevo mai notato prima è che in bocca pare che i bambini delle medie gli esplodano i rauti. Cià un Mucchio Selvaggio di denti di sotto che divergono all'infinito.
E ancora, quel caschetto di capelli neri e quel tailleurino nero non se li cambia proprio mai. Però, com'è carina! Chissà che puzzettine carine, quel tailleurino e quel caschettino.

Paperblog